Questo sito può far uso di widget di terze parti che utilizzano i cookies.
Per maggiori informazioni leggi la nostra cookie policy
Lo strano legame intestino-cervello


Lo strano legame intestino-cervello

I probiotici sono diventati noti al grande pubblico per le loro capacità di aiutare le funzioni intestinali.

Tra i ceppi batterici più noti e amici della salute, si annoverano: Lactobacillus acidophilus, Lactobacillus casei, Bifidobacterium bifidum, Lactobacillus helveticus e Bifidobacterium longum.

Questi sono diventati anche degli “psicobiotici”.

Infatti, gli ultimi due sono noti per alleviare lo stress psicologico, la depressione, la rabbia, l’ostilità, e l’ansia dopo 30 giorni di assunzione, grazie alla loro influenza sulla produzione della serotonina, del cortisolo e di altri composti neuroattivi. A proposito della serotonina, da questa sostanza prodotta dall’intestino si forma la melatonina, conosciuta per il suo ruolo attivo nell’addormentamento, oltre ad essere il neurotrasmettitore della longevità, della rigenerazione e del recupero psicofisico.

Tra gli psicobiotici non possono mancare le vitamine del gruppo B, direttamente collegate ad un buon funzionamento cerebrale. Bassi livelli di vitamina B6, B12 e folati, in particolare, sono associate a bassi livelli di S-adenosil-metionina, una molecola con effetti antidepressivi e potenzianti le funzioni cerebrali.

La carenza di queste vitamine, insomma, viene correlata con la diminuzione della memoria, stati ansiosi e confusione mentale, irritabilità e depressione.

Per ottenere tutti questi benefici a livello mentale, oltre che riequilibrare l’intestino, diminuirne l’infiammazione e proteggere la mucosa intestinale per un corretto assorbimento dei nutrienti, è opportuno basarsi su una buona alimentazione e assumere regolarmente vegetali - che contengono fibre, proteine magre, grassi buoni, tisane e preparati ad azione depurativa e disintossicante.

In più le mele, le pere, le prugne, e le verdure della famiglia delle crucifere - cavolo, cavolfiore, cavolo rosso, cappuccio, verza - ricche di zolfo, svolgono un’azione disintossicante, favoriscono la peristalsi e la digestione. E ancora rucola e ravanelli, cipolla, porro, sedano, finocchio, carciofi e zucchine.

Insomma, sembra ripetitivo, ma qualsiasi frutta e verdura che si trova sulle nostre tavole fa bene.

Ma adesso abbiamo un motivo in più per mangiare questi alimenti: l’apporto dei preziosi psicobiotici!


21/03/2021 08:21:07

PATROCINI & SPONSOR