Questo sito può far uso di widget di terze parti che utilizzano i cookies.
Per maggiori informazioni leggi la nostra cookie policy
Per quanto tempo può funzionare una pila?


Per quanto tempo può funzionare una pila?

L’orologio appeso alla parete segna sempre la stessa ora, segnale inequivocabile che la pila ha smesso di funzionare ed è giunto il momento di cambiarla con una nuova che ridia piena energia alle lancette.

Ma cosa c’entra un orologio fermo con il modo in cui funziona la mente umana?

La risposta è racchiusa in 3 parole: attenzione, tempo e consapevolezza.

Tutti ci rendiamo conto che prestare attenzione sia necessario per consentire al cervello di rilevare le informazioni importanti, ma conosciamo anche come ottimizzare questa preziosa risorsa?

Esattamente come per la pila dell’orologio, anche per la nostra attenzione la quantità di energia mentale a disposizione tende ad oscillare tra momenti in cui è massima e momenti in cui sembra carente.

Ed è qui che entra in gioco la seconda variabile: il tempo.

Quando siamo coinvolti in attività che richiedono attenzione per un periodo prolungato (ad es. quando assistiamo ad una conferenza o trascorriamo un’oretta immersi nella lettura) attiviamo quella che viene chiamata ‘attenzione sostenuta’ ad indicare che il compito in cui siamo occupati richiede concentrazione.

La capacità di rimanere concentrati, a sua volta, è graduale: le risorse attentive sembrano maggiori mediamente nei primi venti minuti di attività, per poi tendere a ridursi lasciando spazio ad una piccola distrazione necessaria a consentirne la ripresa. Se non ci credete, provate ad ascoltare qualcuno che parla per un’ora e notate la differenza di attenzione che avete all’inizio, durante e alla fine del discorso!

La concentrazione può anche essere influenzata da pensieri, preoccupazioni o stati emotivi che interferiscono con la capacità di focalizzarci sull’obiettivo da raggiungere (es. ricordare le parti salienti del discorso ascoltato), facendo aumentare la sensazione di fatica (come la pila che si scarica!).

Ecco l’importanza della consapevolezza: accorgersi e condividere questi pensieri aiuta a prendere le distanze da essi.

Esercitare l’attenzione nel tempo e la consapevolezza fa parte delle attività della Ginnastica Mentale®, affinchè possiamo dosare e massimizzare le nostre energie mentali per raggiungere gli obiettivi prefissati in modo più mirato ed efficace.

Dott.ssa Nicoletta Porcu - psicologa, psicoterapeuta e Brain Trainer Assomensana a Lodi e Piacenza


30/12/2022 10:43:48

PATROCINI & SPONSOR