Questo sito può far uso di widget di terze parti che utilizzano i cookies.
Per maggiori informazioni leggi la nostra cookie policy
Come passa il tempo


Come passa il tempo

“Quando mi annoio il tempo non passa mai, mentre quando mi diverto il tempo vola via”.

Ti è capitato di fare questa considerazione almeno una volta nella vita?

Questa frase la dice lunga sulla percezione che abbiamo della realtà che non è oggettiva di per sé ma viene reinterpretata dalla persona in funzione delle condizioni psicologiche del momento.

Il tempo, il bene più prezioso che possediamo e che supera il valore di qualsiasi conto in banca o proprietà, viene percepito a seconda di come ci sentiamo in un certo momento ma cambia anche in relazione all’età.

Se potessimo rappresentare la percezione della velocità del tempo nel ciclo della vita la descriveremmo come una linea crescente: nei primi 20 anni sembra trascorrere molto lentamente poi, nei decenni a venire la percezione scorre sempre più velocemente.

Ciò è dovuto sostanzialmente a due condizioni: la prima riguarda le routine. Nei primi anni siamo bersagliati da una moltitudine di novità che riempiono le giornate di nuove esperienze, piene e ricche di avvenimenti.

Con l’avvento delle routine le giornate sono sempre più uguali l’una all’altra e le novità sempre meno frequenti o, meglio, anche se ci sono non ci entusiasmano più come avveniva in gioventù.

Le novità formano ricordi più nitidi rispetto alle routine. Ciò spiega perché faccio fatica a ricordare cosa ho mangiato ieri a pranzo mentre ricordo benissimo il menù di una cena particolare avvenuta anche un mese fa.

La seconda condizione che modifica la percezione del tempo è fisiologica, riguarda la velocità di elaborazione delle informazioni da parte del cervello.

Se i processi mentali sono più lenti si elaborano meno informazioni e quindi sembra che ci siano meno “contenuti” nella vita vissuta. E’ come se anziché vivere 24 ore al giorno ne vivessimo 20.

Cosa fare?

Cerchiamo novità lasciando aperta la mente e alleniamoci ad essere mentalmente più veloci.

Prof. Giuseppe Alfredo Iannoccari - neuropsicologo, presidente di Assomensana, docente all'Università di Milano


30/12/2022 11:48:50

PATROCINI & SPONSOR