Questo sito può far uso di widget di terze parti che utilizzano i cookies.
Per maggiori informazioni leggi la nostra cookie policy
Sento la voce ma non capisco le parole!


Sento la voce ma non capisco le parole!

A chi non è capitato di percepire male una parola, una frase o un discorso? E quali sono state le conseguenze?

Probabilmente è un fatto normale, dovuto alle interferenze o alla poca chiarezza della fonte.
Fatto sta che un segnale vocale poco chiaro avrà determinato una difficoltà di mettere a fuoco il significato della comunicazione, condizionando le abilità di elaborazione del pensiero che hanno portato a conseguenze e conclusioni sbagliate.

L'indebolimento dell'udito, sia in termini di ipoacusia sia della più grave sordità, sono in costante crescita nella popolazione mondiale. Oltre ai casi congeniti, la perdita dell'udito è legata all'avanzare dell'età.

Il processo di invecchiamento porta con se una perdita delle cellule neurologiche dell'apparato uditivo, che non sono rigenerabili.

Questo determina una iniziale perdita della percezione dei suoni più acuti e, via via, tutti gli altri suoni, fino a sentire in modo ovattato e poco chiaro

Ma cosa c'entra l'udito con la mente e il cervello?

Si stima che la perdita dell'udito potrebbe giocare un ruolo cruciale in un precoce invecchiamento del cervello, al pari dell'alimentazione, del sonno, dell'attività fisica, dell'attività mentale, del metabolismo ecc.

Le persone che sentono male tendono a ritirarsi dalla vita sociale, a deprimersi e a manifestare disturbi cognitivi come un calo della memoria, dell'attenzione, del linguaggio e del ragionamento.

In più, sforzarsi per comprendere il linguaggio in condizioni di ridotta capacità di ascolto comporta un dispendio di energie mentali e di frustrazione. Cosa fare?

Oltre a chiedere supporto specialistico, è utile allenare l'udito con:

  • l'ascolto di testi, come gli audiolibri, mettendo a fuoco ogni singola parola;
  • ascoltare brani musicali, focalizzandosi sui singoli strumenti;
  • non ritirarsi dalla vita sociale.

Se non si capisce, si chiede di ripetere. A volte sarà imbarazzante, ma almeno i neuroni si "sentiranno bene"!


28/04/2021 20:15:58

PATROCINI & SPONSOR