Questo sito può far uso di widget di terze parti che utilizzano i cookies.
Per maggiori informazioni leggi la nostra cookie policy
Gli effetti del caldo sulla mente


Gli effetti del caldo sulla mente

E’ arrivata l’estate, puntuale, come ogni anno, nonostante nel mese di maggio le temperature più basse del solito e i cambiamenti climatici in atto ci hanno fatto sperare che questa avrebbe potuto essere un’estate dai toni più miti.
E invece no, la colonnina del mercurio sentenzia che la bella stagione ha preso pieno vigore e si ripropone in tutta la sua forza.

Il caldo è piacevole se siamo in riva al mare o su un prato in montagna, ma per chi lavora o è lontano da questi posti di ristoro le cose sono ben diverse.

A parte le copiose sudate, a risentirne è soprattutto il cervello e, di conseguenza, le prestazioni mentali. Infatti, quando le temperature salgono si verificano 3 condizioni che incidono sull’efficienza mentale, pesantemente:

  1. il caldo dilata l’aria e rende più rarefatto l’ossigeno, fondamentale per il lavoro che deve svolgere il cervello;
  2. l’organismo consuma più energia per contrastare la calura, che sottrae al lavoro del cervello;
  3. il cambiamento di pressione atmosferica altera il flusso sanguigno nel sistema cerebrovascolare e dilata i vasi sanguigni, affaticando il cervello.

Ne consegue che i ritmi rallentano, la concentrazione latita e la lucidità mentale si da alla macchia.

Il tutto in un quadro cognitivo che sembrerebbe incarnare il 7° peccato capitale, l’accidia: indifferenza, insolenza, pigrizia, negligenza, disinteresse.

Se è vero che d’estate si tende a commettere più peccati, tuttavia l’accidia potrebbe essere più simile a un “sintomo” che a un peccato.

 

(tratto dall’intervista di Nicoletta Carbone al prof. Giuseppe Alfredo Iannoccari

nel programma “Obiettivo Salute” di Radio 24, in onda il 24.06. 2021)


18/07/2021 11:54:48

PATROCINI & SPONSOR