Questo sito può far uso di widget di terze parti che utilizzano i cookies.
Per maggiori informazioni leggi la nostra cookie policy
Caldo e riduzione delle capacità mentali


Caldo e riduzione delle capacità mentali

Secondo Nicoletta Carbone, nota conduttrice di programmi di salute di successo come “Obiettivo Salute” in onda su Radio 24 - Il Sole 24 Ore - ci sono tre profili che emergono durante la calura estiva:

  1. chi fa fatica a concentrarsi e non riesce a svolgere un compito che richiede attenzione;
  2. chi dimentica più spesso, soprattutto parole e appuntamenti;
  3. chi sente di avere la testa vuota e senza idee.

Queste condizioni sono l’effetto dei cambiamenti di cui abbiamo parlato prima (aria rarefatta, dispendio di energia, dilatazione dei capillari) che causano effetti negativi a livello cerebrale con conseguente impatto anche sul rendimento cognitivo, come la riduzione delle capacità di focalizzare l’attenzione su ciò che ci interessa, di utilizzare le funzioni esecutive per pianificare, organizzare e svolgere le attività e di elaborare le informazioni con un’adeguata velocità mentale.

Questa riduzione di efficienza, percepita insolita e preoccupante dalla maggior parte delle persone, soprattutto da chi è abituato ad avere un’attività intellettiva intensa, induce il soggetto a:

  1. sforzarsi a fare di più, andando spesso incontro a frustrazione per l’inesorabile fallimento;
  2. colpevolizzarsi perché non riesce a fronteggiare la situazione, come se fosse una situazione determinata dalla sua volontà;
  3. impressionarsi per quello che gli sta capitando, non ricordando che è un fatto che si ripete ogni anno in estate.

Insomma, se l’organismo si trova a dover affrontare situazioni climatiche e ambientali avverse, l’istinto di sopravvivenza si attiva e convoglia le energie per garantire l’integrità dell’organismo (cervello compreso). Pertanto, in uno scenario in cui il calore soverchia le normali contromisure dell’organismo, è molto più importante raffreddare il corpo che distrarre energie per consentire alla mente di dedicarsi a compiti che in quel momento non hanno nulla a che
fare con la sopravvivenza.

 

(tratto dall’intervista di Nicoletta Carbone al prof. Giuseppe Alfredo Iannoccari

nel programma “Obiettivo Salute” di Radio 24, in onda il 24.06. 2021)


18/07/2021 11:59:53

PATROCINI & SPONSOR