Questo sito può far uso di widget di terze parti che utilizzano i cookies.
Per maggiori informazioni leggi la nostra cookie policy
Sulle ali della soddisfazione


Sulle ali della soddisfazione

Vi siete mai chiesti cosa succede nel nostro cervello quando mangiamo un pezzetto di cioccolato? Oppure quando, finalmente, dopo svariati tentativi riusciamo a raggiungere l’obiettivo prefissato?

Indubbiamente, in entrambi i casi, la sensazione più evidente è quella di provare soddisfazione. Se potessimo vedere cosa accade nel cervello scopriremmo che ci sono almeno due sistemi particolarmente attivi: il primo, fa riferimento alla ricerca e soddisfacimento del piacere, mediato prevalentemente dal neurotrasmettitore ‘serotonina’. Il secondo, invece, viene potenziato dalle situazioni di sfida e ricerca di gratificazionee ricompensa e si lega alla produzione della ‘dopamina’.

Entrambi questi neurotrasmettitori vengono prodotti nelle aree ‘sottocorticali’, ossia nella parte più interna del cervello, che prendono il nome, rispettivamente, di ‘nuclei del rafe’ (nella formazione reticolare) e ‘substantia nigra’ (nei gangli della base).

Queste strutture hanno numerose connessioni con aree della corteccia cerebrale, tra cui la porzione frontale del cervello che svolge un ruolo fondamentale nella regolazione del comportamento e, in più, contribuiscono ai processi legati alla memoria di lavoro, motivazione, problem solving e regolazione emotiva.

C’è un modo per stimolare queste aree che tanto giovano alla salute del cervello?

La risposta è affermativa, gli esercizi di Ginnastica Mentale® di Assomensana stimolano e attivano questi circuiti cerebrali. Oltre ad essere un programma di stimolazione cognitiva che costituisce l’occasione per esprimere a 360° le potenzialità della nostra mente, la Ginnastica Mentale® mantiene:

  1. alto il senso di motivazione personale;
  2. accentuano la percezione di sfida con se stessi per cimentarsi in qualcosa di ‘nuovo’, curioso, inaspettato e complesso.

La percezione di sfida, a sua volta, stimola la regolazione emotiva perché rappresenta un’occasione di riscoprire risorse che sembravano perse o sopite.

Da ultimo, ma non per importanza, la partecipazione ai corsi rinforza il senso di appartenenza al gruppo e consente di acquisire nuove competenze grazie al confronto e alla condivisione con gli altri partecipanti. Il tutto diventa fonte di gratificazione e migliora così il tono dell’umore.

Dott.ssa Nicoletta Porcu - psicologa, psicoterapeuta e Brain Trainer Assomensana a Lodi e Piacenza


01/08/2021 20:43:24

PATROCINI & SPONSOR